Crea sito

Le recensioni servono a ben poco

Oggi vi racconto la storia di un gruppo che per il lancio del suo album decide di contattare in prima persona vari portali web musicali per avere una recensione. Tali portali, hanno spesse volte come collaboratori persone non propriamente qualificate e competenti. Ma il gruppo in questione, che per motivi personali preferisce rimanere anonimo, denuncia il fatto che le loro recensioni su diversi portali non sono mai uscite a distanza di un anno, o meglio, solo qualcuna. Ora, io ho ascoltato l’album, e non è assolutamente male, anzi! Mi chiedo cosa possa essere successo. Forse hanno sbagliato gli indirizzi e-mail, forse…boh?!. Fatto sta che la pubblicazione è stata anche fatta in digitale da una etichetta che non ha operato degnamente nei loro confronti, ma pur sempre una etichetta che pubblica anche nomi di una certa importanza. Non è che alcuni gestori di portali web quando vedono che il contatto proviene da una agenzia di stampa, sentendosi gratificati del fatto che lo stesso proviene da addetti ai lavori, prendono in considerazione la proposta qualunque essa sia? Mentre se proviene dalla band stessa, e per di più anonima, non sei degno di attenzione? Sembri uno sfigato se non hai una agenza di stampa? Per cui non potrai mai essere bravo e quindi preso in considerazione? Ecco, se così fosse, per pregiudizio o per criteri di scrematura lavoro assolutamente insensati a mio avviso, non puoi essere un appassionato di musica tu che gestisci quel portale, e senza dubbio sei al posto sbagliato. Purtroppo di persone al posto sbagliato ce ne sono veramente troppe.
E voi amici musicisti non scriveteli più, non tornate a far visita sul loro sito, diffondete in giro la vostra esperienza e cercatene altri.
Ps) per le bands: noi non scriviamo recensioni perché riteniamo che servano a ben poco, perché nell’era del web se una cosa piace, viene condivisa e diffusa. Ci limitiamo a pubblicare articoli e comunicati provenienti da bands che riteniamo interessanti.