Crea sito

Home studio -attrezzatura-

A differenza di ciò che si studia all’inizio nelle scuole per tecnici del suono, che si parte sempre dall’acustica, noi affronteremo subito il problema di ciò che ci serve e poi su come farla funzionare. Di smanettoni con orecchio in giro ce ne sono molti, ed è anche vero che l’orecchio e l’esperienza fanno la loro parte, ma in questo campo meno errori si compiono e meglio è, perchè si risparmia tempo, soldi, e si guadagna sul risultato. Bisogna essere furbi e ragionare molto su dove si punta con quello che si acquista. La prima cosa a cui pensare a questo punto è la ripresa del suono. Ci terremo abbastanza bassi nei costi e non saremo ossessionati dalla qualità, tanto più baderemo alla miglior soluzione, ad un costo accessibile. Premetto che uno studio di registrazione, dove solo il trattamento acustico è di buona qualità, la ripresa del suono sarà molto agevolata e quindi mettetevi in testa che lo studio non si può sostituire se si punta ad un prodotto professionale, a meno chè lo si fa in casa eguagliando il suo livello. La ripresa è preferibile farla in ambienti con meno riverbero possibile,  perchè in aggiunta si potrà inserire, ma se si registra con riverbero naturale, non lo si potrà eliminare a meno chè lo si vuole così naturale per scelta. Dobbiamo munirci per prima di scheda audio, premesso che abbiamo già un pc decente con almeno un processore dual core e 4 gb di ram. La scheda audio per l’home recording alemo dovrebbe avere 8 canali preamplificati (quindi con ingressi xlr) per registrare delle batterie decenti. La scheda deve avere almeno una frequenza di campionamento che arrivi a 48kh a 24 bit, deve avere dei convertitori ad/da discreti, e deve avere, almeno su 2 canali, la phantom power e almeno 1 canale per strumento (instrument). La frequenza di campionamento serve a definire il dettaglio del suono, tanto più è alta, tanto più il suono sarà ricco di dettagli e il peso del file wave generato sarà elevato. I bit che solitamente in riproduzione sui supporti cd sono 16, rappresentano la dinamica del suono, quindi su 24 avremo un buon guadagno sulla dinamica e anche se a lavoro finito il progetto sarà esportato a 44kh e 16 bit, avendo lavorato ad una frequenza maggiore, avremo guadagnato sicuramente qualcosa sul prodotto finale.

Facciamo due conti: pc discreto 600€, scheda audio 300/400€, prendiamo in considerazione di usare la versione del software fornito dalla scheda, altrimenti dovremmo aggiungere per esempio per pro tools o Cubase, altri 500€. Poi ci servono i microfoni. I microfoni sono una componente fondamentale, se sono di qualità avremo la pasta migliore. Ci servirà un condensatore per voce; i microfoni a condensatore sono dei microfoni che hanno bisogno della phantom power per funzionare, perchè  necessitano di 48v di corrente altrimenti non funzionano. Sono microfoni particolarmente sensibili e sono sconsigliati per il live. Direi che per uno di media-bassa qualità si potrà spendere tra 80/150€. Poi un set per batteria, consiglio un kit con i supporti integrati. Ci servono per la batteria 8 microfoni, di cui 2 saranno condensatori per i panoramici della batteria. Un kit medio basso costerà intorno ai 120/200€ (scegliamo un kit che abbia in dotazione i supporti per agganciare i microfoni al rullante e tom) e siamo al minimo per 8 microfoni. Poi ci serve almeno un mic per la chitarra o per i fiati, in questo caso un microfono dinamico con diaframma stretto, può costare intorno ai 90€. A questo punto, con i microfoni per le registrazioni in multitraccia siamo a posto, ora ci serve sicuramente un paio di cuffie, anche a 30€ se ne trovano di discreta qualità, 2 monitor per gli ascolti, diciamo di 150/250 €, ci serviranno 2 aste microfoniche a giraffa, una nana per la cassa della batteria e almeno 8 cavi xlr per chiudere il cerchio, diciamo altri 150€.

Totale spesa al minimo calcolando anche il pc, escluso il software: circa 1400€

 

Software più diffusi:

Cubase, Pro-tools, Logic, Nuendo, Sonar, Ableton live

Risorse

A questo link ci sono una serie di registratori multitraccia consigliati.

 

Prossimo articolo in questa categoria:

-Home studio — la ripresa del suono

 

to be continued…